Emergenza Coronavirus e Telelavoro

Nell'ambito delle misure adottate dal Governo per il contenimento e la gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19 (coronavirus), si raccomanda il massimo utilizzo, da parte delle imprese, di modalità di lavoro agile per le attività che possono essere svolte al proprio domicilio o in modalità a distanza, ovvero Smart working.

Prima di entrare nello specifico è bene fare due considerazioni generali:

  • ci sono ambiti dove Smart working è facilmente applicabile;
  • ci sono ambiti produttivi/edili/servizi/contatto col pubblico dove il servizio non è evidentemente dematerializzabile;

Negli ambiti dove, già si utilizza lo strumento informatico è bene farsi una domanda: l'operatore potrebbe svolgere la propria attività senza necessariamente recarsi sul posto di lavoro? Per accedere a un computer da una scrivania è per forza necessario spostarsi km? O è sufficiente che sia in collegamento tramite Internet con i sistemi con cui deve operare.

Anche le comunicazioni telefoniche e i meeting possono essere facilmente gestiti da remoto con gli strumenti oggi a disposizione, quali sono quindi i limiti che rendono difficile il passaggio? Non mi riferisco solo a limiti tecnici:

  • cambiare le propri abitudini (non è facile abituarsi a lavorare da remoto, ci si deve organizzare lo spazio e il tempo, entrare nella mentalità che anche a casa si può lavorare)
  • diffidenza del titolare (a volte invece di misurare i risultati il titolare vuole "controllare" l'operato dei dipendenti sul luogo di lavoro
  • applicativi in uso: alcuni applicativi non sono remotizzabili perché controllano macchine operatrici e sistemi non in rete o semplicemente non sono pensati per essere usati da remoto
  • disponibilità di banda (nel nostro paese non è sempre disponibile la banda larga)

RHX utilizza questa modalità di lavoro dal 2005 ed è convinta che, per certi ambiti, il luogo da cui si svolge l'attività possa portare addirittura dei benefici. In primis il tempo risparmiato nello spostamento da residenza a luogo di lavoro, quindi abbattimento dei costi di trasporto e dei costi a carico dell'ambiente (impatto ambientale). Ma può migliorare la produttività perché, in alcuni casi, possono venire a mancare distrazioni e interferenze.

Questa indicazione è stata pertanto assolutamente recepita con favore da RHX. Purtroppo questa modalità di lavoro, per molte aziende, non è facile da attuare in brevi tempi e in emergenza. Soprattutto se il sistema informativo non è già predisposto per l'accesso da remoto.

Attivare velocemente Telelavoro

Se non si dispone di tempo e capacità per riorganizzare il flusso di lavoro e valutare nuovi applicativi, fatta salva la disponibilità di banda, con i dati disponibili solo nella rete aziendale, la soluzione più veloce per accedervi da remoto e in sicurezza è creare dei collegamenti Privati tramite Internet (VPN) per operare come se si fosse in azienda. Alle volte però il limite non è solo il dato ma l'applicativo che lo gestisce, che richiede licenze o potenze di calcolo particolari (ad esempio un programma di modellazione 3D). In questi casi oltre alla VPN può essere necessario abbinare l'accesso a un Desktop Remoto del server o del computer dal quale poter utilizzare l'applicativo specifico.

Teniamo inoltre presente che vi possono essere soluzioni miste di telelavoro che prevedono che alcune attività possano essere svolte da remoto e altre presso la sede, diversificando sui giorni della settimana o del mese.

Se hai esigenze di riorganizzare la tua azienda per il telelavoro puoi contattare RHX:

Contattaci per maggiori informazioni

Documenti correlati



Ritorna all'indice dei Documenti